Milan ai cinesi? Ora Berlusconi di ripensa. I tifosi sono sconcertati

0
133

Milan BerlusconiI continui ripensamenti del presidente rossoneri preoccupano i tifosi. Ora i cinesi sono più lontani.

Aumentano i dubbi sulla cessione del Milan ai cinesi. Berlusconi pare stia frenando. Nulla di definitivo, ma sembra che qualcosa sia successo davvero: non può essere l’irritazione, legittima, dei cinesi dopo i numerosi e fastidiosi paletti imposti da Berlusconi, oltre alle numerosissime battute poco gradevoli, a bloccare una trattativa di tale portata.

Si vocifera che tutto dipenda da Berlusconi stesso, che perdendo il Milan – dopo la politica – perderebbe l’ultimo vero grande affetto della sua vita. Insomma, qualcosa da 48 ore a questa parte non va e le conferme arrivano da quasi tutte le parti. D’altronde, lui una porta abbastanza grande l’aveva sempre lasciata aperta. Il suo Milan del futuro lo aveva già disegnato con Brocchi in panchina ed un Milan tutto italiano e giovane.

Questi continui ripensamenti, comprensibilmente, disorientano ancora di più i tifosi rossoneri, che mai come ora guardano al futuro con preoccupazione e sconcerto. Che fine ha fatto quel club che faceva della programmazione e della comunicazione la sua ragione di vivere? Possibile che nessuno in seno alla dirigenza sia in grado di alzare la voce, di farsi sentire, per cercare (perlomeno) di ricondurre Berlusconi sulla strada della coerenza?

La sensazione è che i cinesi non offrano le necessarie garanzie. Berlusconi pretende di sapere quali saranno gli investimenti a breve termine. Richieste comprensibili, molto meno quelle di mantenere un ruolo attivo nel club, troppo ingombrante per chiunque voglia mettere le mani su questo Milan.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here