Inter, addio ai sogni Champions ed ora anche Mancini è in discussione

0
218

Inter ManciniLa cocente sconfitta contro il Torino apre scenari inquietanti in casa Inter. Tutti gli obiettivi sono svaniti ed ora anche Mancini è in discussione.

Tutte le certezze sono svanite. L’Inter del 2016 è una squadra che ha smarrito la rotta verso il terzo posto, forse maniera definitiva dopo la sconfitta con il Torino. La squadra del girone di andata ha smarrito  tutte le certezze che aveva. Prima non incassava gol quasi mai, adesso li prende regolarmente. Nel girone di ritorno soltanto una volta Samir Handanovic non ha raccolto la palla in fondo alla rete e la squadra  non pareggia più  0-0, come spesso le accadeva nel girone di andata. Sono passati 23 turni e l’ultima volta.

La Juve proprio dalla sfida di San Siro contro i nerazzurri ha trovato quelle convinzioni e quella continuità che non ha più perso. L’Inter, invece, non è cresciuta, anzi si è involuta. Mancini ha provato a cambiare per migliorare, ma i numeri non gli hanno dato ragione e le 12 partite del 2016 mostrano l’unico equilibrio che non serve  a nulla: 4 vittorie 4 pareggi e 4 sconfitte. Mai i tre punti conquistati in trasferta e la serie di quattro vittorie in casa interrotta proprio una domenica in cui provare ad accorciare il distacco dalla Roma, che invece ha allungato inesorabilmente.

Davanti la squadra fa fatica a fare gol, ma il problema non è certamente Icardi, che i suoi gol li sta facendo anche quest’anno e che forse meriterebbe una squadra più competitiva alle sue spalle.

Le ultime 7 giornate saranno un esame per tutti: in campo e in panchina perché un piano B, senza Champions League, è un’ipotesi che nessuno avrebbe voluto mai prendere in considerazione. Un Inter fuori dall’Europa è un incubo nel quale nessuno ha voglia di ritrovarsi e al momento il Sassuolo è più vicino di quanto non sia distante la Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here