Euro 2016: Rep. Ceca – Croazia 2-2, finale al cardiopalma e follia ultras croati

0
94

rep ceca croazia 2 a 2La Croazia si fa rimontare nel finale dalla Repubblica Ceca. Gli ultras croati lanciano dagli spalti fumogeni e petardi. Sospesa per alcuni minuti la partita.

Il titolo dell’articolo racchiude in poche parole quanto accaduto allo Stade Geoffroy Guichard di Saint-Etienne nel tardo pomeriggio di oggi. Una partita dai due volti, prima dominata dai croati e poi ripresa per i capelli dai cechi. Come spiacevolissimo e vergognoso intermezzo non sono mancati i fumogeni e i petardi spediti in campo dai “tifosi” croati. Uno di questi oggetti ha colpito in pieno un vigile del fuoco che si stava prodigando per sgomberare il terreno di gioco.

Inevitabile la sospensione del gioco decretata all’87’ dall’arbitro Clattenburg quando il risultato del match era sul 2 a 2. Ma torniamo alle fasi del gioco giocato: la Croazia stava legittimando una indiscutibile superiorità concretizzata dai gol di Perisic e Rakitic. A quel punto il tecnico ceco Vrba effettuava due cambi che si sono rivelati vincenti: dentro Skoda e Sural e fuori Skala e Lafata.

Al 75′ è proprio Skoda, con un gran colpo di testa, a perforare la porta custodita da Subasic. Partita riaperta. Si arriva al secondo minuto di recupero e il direttore di gara decreta un penalty a favore dei cechi per fallo di mano in area di Vida. Si incaricava di battere la massima punizione il neo entrato Necid che, con una bordata potentissima infilava la palla in porta. Pareggio tanto meritato quanto insperato. La Croazia deve solo recriminare sul suo assetto difensivo alquanto lacunoso e bisognoso dei giusti correttivi.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here