Euro 2016: i magnifici 8 che sono stati scoperti grazie agli Europei!

0
144

Gli Euro 2016 si sono conclusi da pochi giorni con la vittoria del Portogallo, che ha battuto la Francia grazie al goal di Eder, ma ora i riflettori si sono riaccesi su 8 talenti che si sono distinti sul campo e dei quali sentiremo sicuramente parlare nei prossimi anni

EURO 2016-Gli Europei in Francia si sono chiusi da pochi giorni con la vittoria del Portogallo, che ha battuto la formazione guidata da Didier Deschamps grazie al goal di Eder, ma ora i riflettori si sono riaccesi su 8 talenti che si sono distinti sul campo e dei quali sentiremo sicuramente parlare nei prossimi anni.

Raphael Guerreiro, 22 anni, è diventato titolare grazie ad un infortunio di Coentrao, ma non ha fatto rimpiangere il secondo. Il terzino ha giocato un grande torneo e il cross millimetrico consegnato a Cristiano Ronaldo nella semifinale contro il Galles, ha dimostrato che il Borussia Dortmund ha fatto bene ad acquistarlo nel 2012.

Euro 2016: ecco chi sono gli 8 nomi magici!

Hal Robson-Kanu, 27 anni, arrivato agli Euro 2016 da sconosciuto, è schizzato alle stelle dopo lo straordinario goal contro il Belgio. Ora i club stanno facendo a pugni pur di metterlo sotto contratto. Quanto a Nolito, 29 anni, chiamato all’ultimo momento e a squadra già formata, è apparso subito a suo agio negli schemi della squadra spagnola e ha contribuito al risultato del 3 a 0 contro la Turchia.

Michael McGovern, 31 anni, è salito alla ribalta dopo la prestazione contro la Germania: dei 26 tentativi dei tedeschi, solo uno è andato in porta grazie a lui, e le sue parate sono state fondamentali per consentire all’Irlanda del Nord di arrivare tra le migliori terze.

Hannes Halldorsson, 32 anni, ha fermato gente come Ronaldo, David Alaba e Harry Kane, mentre Arlind Ajeti, 22 anni, ha contribuito alla prima vittoria dell’Albania (quattro giorni dopo il Torino lo ha comprato dal Frosinone).

Michael Pazdan, 28 anni, quando ricevette la prima convocazione in Nazionale polacca, venne fermato dallo staff dell’albergo, che non voleva farlo entrare, perché pensava che non facesse parte della squadra. Ora è riconosciuto per il ruolo portato nel gruppo C.

Thomas Meunier, 24 anni, è stato schierato nel match che ha visto impegnato il Belgio contro l’Irlanda, servendo un assist per il goal del raddoppio di Axel Witsel. Ottima la giocata anche contro l’Ungheria e la Svezia, e che è bastata per far sì che il PSG mettesse gli occhi su di lui.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here